Disoccupazione ai lavoratori autonomi dello spettacolo

A decorrere dal 1° gennaio 2022 è riconosciuta una indennità ai lavoratori autonomi dello spettacolo per la disoccupazione involontaria.

L’indennità è riconosciuta se il lavoratore:

  • Non ha in corso rapporti di lavoro autonomo o subordinato
  • Non è titolare di trattamento pensionistico diretto
  • Non è beneficiario di reddito di cittadinanza
  • Deve aver maturato almeno 15 giornate di contribuzione versata o accreditata nel Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo
  • Avere un reddito relativo all’anno solare precedente alla presentazione della domanda non superiore a 35.000 euro.

L’indennità è rapportata al reddito imponibile ai fini previdenziali risultanti dai versamenti contributivi effettuato al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo, è pari al 75% dello stesso reddito, nel caso in cui il reddito mensile sia pari o inferiore all’importo di 1.227,55 euro. Nel caso in cui il reddito sia superiore al predetto importo l’indennità è pari al 25% della differenza tra il reddito medio mensile e il predetto importo, entro il limite massimo di 1.335,40.

L’indennità è corrisposta per un numero di giornate pari alla metà delle giornate di contribuzione versata o accreditata al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo, l’indennità non può superare la durata massima di sei mesi.

Condividi

Articoli per te

Hai ancora dubbi?

Contattaci se hai necessità di ulteriori chiarimenti o informazioni sulla tematica di tuo interesse.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.