Cerca
Close this search box.

Pensione anticipata (ex vecchiaia)

Pensione anticipata lavori usuranti

di cosa si parla

In breve

Coloro che hanno svolto lavori particolarmente pesanti e faticosi, riconosciuti come usuranti, hanno la possibilità di andare in pensione prima rispetto all’età ordinaria per la vecchiaia con un’anzianità contributiva di almeno 35 anni ed un’età di 61 anni e 7 mesi. 

Criteri di raggiungimento

La normativa è riservata ai soli lavoratori dipendenti che abbiano svolto attività usuranti individuate nell’art. 1 del Dlgs 67/2011, le suddette attività occorre che siano state svolte per almeno 7 anni, negli ultimi dieci anni di attività lavorativa, oppure per almeno la metà della vita lavorativa complessiva. Le attività in questione sono suddivisibili in quattro categorie:

Per conseguire il beneficio, gli interessati devono presentare un’apposita domanda alla sede Inps entro il 1° maggio dell’anno precedente a quello in cui si maturano i requisiti agevolati volta ad ottenere il riconoscimento di lavoro usurante.

Dunque chi matura i requisiti nel 2021 dovrà produrre domanda di accertamento dello svolgimento dell’attività usurante entro il 1° maggio 2022.

La domanda non è da confondere con la domanda di pensione che sarà presentata solo in un momento successivo, previa comunicazione di accoglimento della domanda di accertamento di aver svolto lavoro usurante

Per quanto riguarda i lavoratori notturni essi si suddividono in:

Lavoratori autonomi notturni – più di 77 notti

Lavoratori dipendenti notturni – più di 77 notti

Lavoro autonomo usurante e notturno – da 72 a 77 notti

Lavoro dipendente usurante e notturno – da 72 a 77 notti

Lavoro autonomo usurante e notturno – da 64 a 71 notti all’Anno

Lavoro Dipendente Usurante Notturno – da 64 a 71 notti all’Anno

Hai ancora dubbi?

Contattaci se hai necessità di ulteriori chiarimenti o informazioni sulla tematica di tuo interesse.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.